• studio1
  • studio2
  • studio3
  • studio4

Lo Studio di Terapia Familiare

Lo studio di terapia familiare (tecnicamente il “setting terapeutico”) deve essere idoneo all’utilizzo di questa metodologia psicoterapeutica attraverso alcuni accorgimenti nell’arredo così come per l’utilizzo di particolari strumenti. Lo studio dove opero è stato pensato con tutte le caratteristiche riportate di seguito e può essere messo a disposizione di colleghi che necessitino di questo tipo di spazio.

È importante infatti vedere l’utilizzo dello spazio dello studio come metafora dello spazio e del ruolo che le persone occupano all’interno della famiglia e il terapeuta può comprendere molte cose riguardo al funzionamento della famiglia attraverso il posizionamento all’interno della stanza di terapia.

Dovendo prevedere la partecipazione di interi nuclei familiari e del terapeuta con eventuale coterapeuta, deve avere delle dimensioni congrue per ospitare anche 6-7 persone contemporaneamente. L’arredo è semplice, in genere composto da comode sedie messe in cerchio. In mezzo al cerchio può esserci o meno un tavolino basso, tale quindi da non frapporsi troppo tra le persone che anche nel loro posizionamento nella stanza devono poter sperimentare interazioni dirette, senza ostacoli che possono essere rappresentati anche da elementi di arredo ingombranti. È importante infatti vedere l’utilizzo dello spazio dello studio come metafora dello spazio e del ruolo che le persone occupano all’interno della famiglia e il terapeuta può comprendere molte cose riguardo al funzionamento della famiglia attraverso il posizionamento all’interno della stanza di terapia.

Le sedie devono essere facilmente spostabili poiché il terapeuta può, durante gli incontri, chiedere ai pazienti di spostarsi, di alzarsi, di cambiare sedia (gli spazi e le distanze tra le persone in seduta sono anche spazi e distanze “psicologiche” che il terapeuta può cercare di modificare anche fisicamente con il suo intervento). In alcuni interventi può essere opportuno anche escludere le sedie (ad esempio in un momento di gioco con i bambini presenti).

Di grande importanza è la presenza dello specchio unidirezionale, ovvero un vetro che divide la stanza di terapia da un’altra stanza: i pazienti vedono uno specchio, mentre chi è nell’altra stanza può vedere ciò che accade durante la seduta. Questo strumento viene utilizzato soprattutto nelle terapie con supervisione diretta in cui un altro psicoterapeuta osserva ciò che accade da un punto di vista esterno, potendo così notare eventuali passaggi poco chiari, fasi di impasse della seduta o semplicemente elementi che i terapeuti in seduta possono aver trascurato. Quando accade ciò il supervisore può chiamare il terapeuta attraverso un interfono che collega le due stanze e dare le indicazioni che ritiene opportune. Ovviamente le due stanze devono essere collegate attraverso un impianto audio che permetta anche di ascoltare ciò che viene detto. Di grosse utilità è anche la possibilità di videoregistrare le sedute per poter essere riviste e analizzate dai terapeuti coinvolti (terapeuta, coterapeuta, supervisore).

In genere i pazienti, dopo essere stati informati della presenza del supervisore e averlo conosciuto prima della seduta, non sono poi “disturbati” da questo “occhio amico” che li aiuta nel loro percorso da dietro lo specchio.

Il setting appena descritto si adatta anche ad eventuali consulenze tecniche e perizie perché offre gli spazi adeguati a CTU e CTP (vedi la pagina sulla consulenza tecnica) e da la possibilità di raccogliere tutto il materiale peritale raccolto.

Rivolto ai professionisti

Lo Studio di Terapia Familiare e le sue attrezzature sono a disposizione dei colleghi che necessitassero di questo tipo particolare di spazio.

contattami

Lorenzo Talamelli

Dott. Lorenzo Talamelli
Psicologo Psicoterapeuta
Iscrizione n°767 all'albo dell'Ordine degli Psicologi delle Marche
p.iva 02193270416

 
Via Negusanti 3 - Fano(PU) - 
Tel. 335.6936429
info@lorenzotalamelli.it | linkedin
www.lorenzotalamelli.it


Contattami

Ambiti di intervento

Formazione

Formazione

La formazione è da molti anni uno dei miei campi di interesse e un ambito in...

Psicoterapia con la Famiglia

Psicoterapia con la Famiglia

La Psicoterapia con la famiglia (che preferisco al termine "psicoterapia familiare") è condotta di solito a...

Gruppi di Auto Mutuo Aiuto

Gruppi di Auto Mutuo Aiuto

L'auto mutuo aiuto è una tecnica volta a favorire il cambiamento e il benessere di persone che...

Consulenza Tecnica

Consulenza Tecnica

La Consulenza Tecnica in ambito civile Se il giudice ritiene utile una valutazione dello Psicologo al fine...

Supervisione

Supervisione

Dal 2008 mi occupo di supervisione psicopedagogica di operatori che lavorano in servizi socio-sanitari. Ho seguito...

Ricerche e Pubblicazioni

Ricerche e Pubblicazioni

Tra le mie esperienze lavorative, quella che riguarda la ricerca comprende due progetti di Psicologia sociale...

Consulenza e Psicodiagnosi

Consulenza e Psicodiagnosi

La consulenza psicologica è un tipo di intervento di sostegno psicologico alla persona che guida il...

Coordinamento servizi socio-sanitari

Coordinamento servizi socio-sanitari

Dal 2003 mi occupo del coordinamento di servizi socio sanitari rivolti a differenti tipologie di utenza...

Psicoterapia di Coppia

Psicoterapia di Coppia

Il percorso terapeutico che coinvolge la coppia (per coppia si intendono due persone con un legame...

Psicoterapia Individuale

Psicoterapia Individuale

La psicoterapia individuale è condotta tra terapeuta e paziente e mira a restituire benessere e spinta...